Tag Archives: elettronica

Rava, Guidi e Herbert: il concerto al Celebrazioni

Che cosa succede quando l’elettronica incontra i fraseggi del flicorno? Quando le note del piano vengono catturate e riproposte in loop, trasformandosi in basi per l’improvvisazione? Il risultato ci viene servito da un trio d’eccezione, formato dal trombettista Enrico Rava, da Giovanni Guidi al pianoforte e da Matthew Herbert, maestro britannico dell’elettronica, accompagnato dal suo assistente di scena, Hugh Jones.

Nulla è deciso o organizzato a priori: alla base del progetto c’è una drammaturgia che vive e si sviluppa interamente nel processo creativo. Gli spunti possono arrivare tanto dagli input di Herbert, quanto dalla successione di linee melodiche, sapientemente costruite da Guidi. “Nella prima fase del lavoro ci diamo delle indicazioni”, spiega Rava. “Che però alla fine possono anche non essere rispettate. La musica va da un’altra parte, siamo noi che la seguiamo. Tra noi tre non ci sono figure definite. Ci sono dei momenti in cui ognuno trascina l’altro, ci sono scambi di ruoli, ma non c’è un leader”. [Read more...]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on TumblrEmail this to someone

FM4 Frequency Festival 2017: il Ferragosto rock di Vienna

Si svolgerà dal 15 al 17 agosto 2017 il festival FM4 Frequency, una delle rassegne musicali più importanti dell’Austria, promosso dalla stazione radiofonica FM4 e giunto ormai alla sua quindicesima edizione. 120.000 appassionati di musica indie, rock, pop ed elettronica si raduneranno anche quest’anno a St. Pölten, località immersa nel verde ad appena trenta minuti da Vienna, per ascoltare artisti e band tedeschi e internazionali. Dopo aver ospitato star del calibro di Radiohead, Queens of the Stone Age, Oasis, Foo Fighters, Linkin Park, The Prodigy, The Chemical Brothers, Manu Chao e Massive Attack, il festival austriaco vanta anche quest’anno una line-up straordinaria, con headliner Billy Talent, Mumford & Sons e Placebo. [Read more...]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on TumblrEmail this to someone

Notwist, il concerto al Locomotiv Club

IMG_1902

Ventisette anni di carriera alle spalle, spaziando dall’hard rock al punk, dal pop al grunge, fino ad approdare all’elettronica nell’ultimo album in studio (“Close to the Glass”). Un disco live che ripercorre la loro storia (“Superheroes, Ghostvillains & Stuff”) in sedici brani registrati nel 2015 a Lipsia, e che segna il ritorno dei Notwist. Con tanto di tour europeo e la promessa di un nuovo album.

Il gruppo tedesco si è esibito anche sul palco del Locomotiv Club l’8 aprile scorso (evento organizzato da DNA concerti), registrando un meritato sold out. Insieme ai loro compagni d’avventura, Martin Gretschmann e Andi Haberl, i fratelli Acher (Markus e Michael, fondatori della band) hanno regalato al pubblico bolognese un concerto emozionante, mescolando generi, sonorità e melodie. [Read more...]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on TumblrEmail this to someone

Wallis Bird, quando la musica diventa gioia

wallis

Al Bravo Caffè hanno abbassato le luci, la band è già sul palco. “Wallis se la sta prendendo comoda, per il momento pensiamo noi a intrattenervi” – scherza Sam Vance-Law, violinista e tastierista del gruppo, che con i suoi pezzi ha aperto tutti i concerti del tour di Wallis Bird. Insieme a lui ci sono il cantautore Aidan Floatinghome (chitarra e clarinetto) e la polistrumentista Emma Greenfield. Le sonorità calde e intimiste dei brani di Sam Vance-Law preparano il pubblico per Wallis. Fino al momento in cui la musicista sale sul palco (mascherata con abiti maschili e un paio di baffetti alla Charlot), si piazza alle percussioni e duetta con Emma alla voce. Non ci vuole molto a rendersi conto che sarà un concerto da ricordare. L’occasione è il tour di presentazione di “Home”, quinto album per la Bird e – per molti versi – il suo lavoro più maturo e completo. Il tema del disco si lascia intuire già dalla copertina, dove Wallis abbraccia la sua compagna e musa ispiratrice Tracy, ritratta di spalle. “Home” parla di una storia d’amore e delle sue tappe, di come i sentimenti evolvono e si fanno più intensi, man mano che la relazione cresce. “Dietro Home c’è proprio questo” – ci racconta Wallis – “c’è la felicità, ci sono le maggiori soddisfazioni della vita, l’amore, il realizzarsi. Home è un ringraziamento e la chiusura di un capitolo. La vita che ho sempre desiderato è qui”. [Read more...]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on TumblrEmail this to someone